Uot is mai destini PSG vs MIB : Il Pagellone

Davide Iaqui Iaquinta – 9 MVP. Mai vista cosa più illegale in un campo di prima divisione. Quasi un quintale di voglia, entusiasmo e tenacia che domina il campo. Doppia doppia annunciata, con lampi di tecnica da far venire i brividi. Per fermarlo dovete attrezzarvi con bazooka e carri armati. Se malauguratamente vi trovate fra lui e il canestro, inevitabilmente, qualcuno finirà col culo per terra. E quel qualcuno non sarà lui. Mai. La trasformazione da inizio stagione è evidente, ora siamo al secondo stadio. La forma perfetta, probabilmente, deve ancora essere raggiunta. Tremate. CELL

psg-vs-mib-iaquimvp

Luca alzatiecammina Scotti – 7,5 Caratterizza la sua partita con alti e bassi. Anche nella stessa azione. Tiro forzato ma cattura il rimbalzo, palla persa e recuperata in un amen, difensore dimenticato e contropiede fulmineo un secondo dopo. Almeno mezzo voto se lo guadagna con una stoppata da cineteca. Qualsiasi cosa accada intorno, è pacifico. Lui è puro. Noi…circa, tipo Junior: alla fine siamo buoni ma quel briciolo di malvagità è insito in noi. Estirpalo, sappiamo che ci stai provando, vediamo se ci riesci. IL SUPREMO

Filippo Pess8 Missaglia – 7 Paladino della calma e dei ritmi blandi (sai che sto con te in questo) stasera si vede sfrecciare intorno nove trottole impazzite. La partita inevitabilmente si complica per lui. Comunque si ritaglia i suoi spazi e in campo non molla un secondo. Anche e soprattutto come atteggiamento mentale, il che è parecchio complicato in scontri come questo. In battaglia si dimostra sempre guerriero dall’animo nobile e generoso. Non abbandona mai i suoi compagni in difficoltà. Quasi se ne prende cura, come con Riff. Il fu Crilin cambia ruolo. Sempre umano e sempre pelato resta, non è per gufarla, non so perché, è venuta così. TENSING

Michele crazyhorse Fumagalli – 8,5 Professione: boia. Due minuti in fondo all’ultimo quarto che spezzano del tutto le speranze avversarie. Tre bombe. Così, per gradire. Cinismo terrificante, senza pietà. È lui a dare il colpo di grazia. Sospinto e sostenuto dai tifosi che, ad ogni canestro, non capiscono più nulla. Chiede l’aiuto di tutti i presenti per portare a termine la sua missione. Tutti alzano le mani per donargli energia vitale. Accumula…al resto ci pensa lui. Genkidama. Fine dei giochi. GOKU

Giovanni 7falli Confalonieri – 8 La minaccia arriva dal nulla, proprio quando non te lo aspetti. Per la squadra il primo quarto è iniziato male, vero. Ma lui è in panchina…appena entra l’impatto è devastante. Contro parziale e inerzia per noi. Un pugno allo stomaco per loro. A tratti incontenibile, un arma letale. È rosa, sembra smilzo ma in realtà è un fascio di muscoli. Soprattutto non ha paura di niente. Siete tra lui e il suo obbiettivo? Bravi! Siete appena diventati caramelle e lui vi ha già mangiato. MAJIN BU

Lorenzo Löris Colombo – 8 Stasera ha gli occhi della tigre. Mai visto in atteggiamento da battaglia a questi livelli. Anche se la produzione a livello di punti è esigua, la sua presenza non può passare inosservata. In difesa sposta gli equilibri e tiene la tensione sul filo del rasoio. Dimostrazione vivente che questo sport non è solo fisico, ci vuole testa e intelligenza. Bravo. E niente, poi sarà anaffettivo e scissofrenico ma sotto il porticato comanda sempre lui. Sembra un cyborg costruito apposta per il PSG. C(1)18

Stefano capocurva Bonalumi – 7,5 Capocurva o mio capocurva. Non riesce ad estraniarsi dalla tribuna. La sua creazione. Dal campo da indicazioni e dirige la brigata. Voi penserete: bravo pirla così non è concentrato sulla partita… sbagliate. E di grosso anche. Dimostra di avere due palle grosse e pesanti come cocomeri mettendo a segno canestri importantissimi. Stasera non maneggia una comoda katana, ma una spada pesantissima che solo lui riesce ad estrarre, addomesticare e sbattere prepotentemente dentro il canestro. GOHAN

Alessio Sniper Mirarchi – 7 la potenza è nulla senza il controllo, dicono. Stasera è in controllo. Dei suoi mezzi e della partita. Capisce quando è il momento di aggredire e quando placare gli animi. È lui a dettare i ritmi. Perde qualche palla di troppo? Forse. Ma a fronte di quello che regala a tutti non è niente. Gestisce uno sproposito di possessi, nella maggior parte dei casa regala emozioni e punti facili per i compagni. Si lamenta, parla troppo e ha sempre la soluzione a portata di mano (o pensa di averla). La ragazza tipo. Sfodera la capsula giusta per ogni occasione. BULMA

Mattia dovecazzoguardi Quadrio – 7 La partita è sempre di grande sostanza. Il vice capitano fatica a trovare continuità nelle soluzioni offensive. In difesa è sempre una certezza. Difende a tutto campo in maniera asfissiante. I portatori di palla vengono aggrediti palleggio dopo palleggio. Prende un sfondamento dal nulla che si rivelerà essere di capitale importanza. Piccolo e perfido. Architetta ingegnosi piani diabolici per avere la meglio sull’avversario. PILAF

Davide TheCoach Casati – 8 Approccia la partita con pacatezza esteriore. Dentro di lui bruciano le fiamme dell’inferno. Poi lo dimostrerà. Per i primi due quarti non vuole avere impatto sulla gara, al terzo cala l’asso di briscola. Trova la chiave tattica, la sua squadra mette la freccia e non si farà mai più vedere all’orizzonte. Alla fine, anche per lui, è difficile contenere le emozioni e qualche scatto alla Carletto Mazzone ce lo regala. La nostra lista desideri è lunga e complicata. Un paio li ha già esauditi. Continua a sorprenderci. POLUNGA

Curva – 8,5 PSG chiama, brigata risponde. Tutte le strade portano al NEI. Arrivano da tutte le parti: da Monza e provincia, da Milano, dalla Brianza più oscura ed addirittura da un’altra nazione. No, non stiamo scherzando. Come se non bastasse ci sono presenze illustri che indossano la maglia PSG. Succede di tutto. Facciamo casino? Sicuramente. Belli? Piacciamo. Ignoranti? Molto. Birra? Sempre. Sobrietà? Mai. New entry della curva: fumogeni, candele luminose e lanterne cinesi. Organizzazione meticolosa e accoglienza trionfale per la squadra fuori dal palaNei. Basket, Prima Divisione. Siamo di un altro pianeta. NAMECCIANI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *