PSG vs FORTI E LIBERI : Il Pagellone

Alessandro Il Garla Garlati – 8,5 MVP. Nonostante la schiena ancora non in condizioni ottimali riscatta l’opaca prestazione precedente con una partita super. In controllo quando c’è da controllare e a spingere con il piede sull’acceleratore quando c’è da allungate. Metronomo vero, esperienza pura. Mani caldissime, in 5 minuti infiamma la retina, miglior marcatore di serata e tutti a casa. Quando rilascia la palla sugli spalti si sa già che si dovrà esultare, infallibile. Dopo un paio di stagioni in quel di Sanfru, cambia sponda della città, approda in quella giusta, in tanti col passate del tempo migliorano, sembra che sia così anche per lui. ANDREA PIRLO

Paolo Bigga Eralti – 7 Numero di allenamenti ancora esiguo per lui e gambe un po’ stanche. Tatticamente sempre un arma preziosissima per noi, tecnicamente è uno dei migliori, si sa. Stasera fa sempre tutto bene…poi al momento di concretizzare arriva sempre un po’ corto. Poco male, bisogna mettere solo ancora della benzina e poi si sfreccia. Azione clou: imperiosa stoppata in difesa, palla recuperata, contropiede, la palla nelle sue mani, terzo tempo, va per tirare ma viene murato proprio sul più bello. FRANCESCA PICCININI

Lorenzo Löris Colombo – 7 Uno dei grandi ex della partita, la quale risulta essere sentitissima anche per lui. In campo dirige la difesa da grande condottiero in attacco fluidifica il gioco e non forza un tiro. Quando segna la sua bomba di serata è sempre il degenero. In panchina commenta l’incommentabile e non ne fa passare una a nessuno senza lasciare un parere. Della serie “Io sì che da grande farò un mestiere di un importanza che tutti diranno: buongiorno, buongiorno” “Il sindaco? L’avvocato? Il chirurgo? L’astronauta” “Ma no di più, molto di più”. LA PORTINAIA

Michele crazyhorse Fumagalli – 7 Inizio stagionale leggermente in sordina per il crazy nazionale. Dietro è un ghepardo ma in attacco fatica a trovare la via del canestro con regolarità e arriva qualche tiro forzato di troppo. È una pedina di grande importanza nella scacchiera biancoblù e lo sanno tutti, lui per primo. Capita a tutti di litigare con i ferri, questo momento è solo di passaggio, lo sappiamo con certezza. Ci vuole calma. “La pazienza è amara, ma il suo frutto è dolce”. JEAN JACQUES ROUSSEAU

Alessio Sniper Mirarchi – 8 Er faina è straripante. Il più costante in questo inizio stagione. Si aggira per il campo come una mangusta in attesa di scovare la sua preda. Grazie ai suoi agguati mette a segno diversi furti per poi mordere e sparate senza pietà da nove metri. Per la serie ‘l’ignoranza non è mai abbastanza’ abbiamo messo a punto l’ennesima esultanza, l’ennesima cafonata, c.v.d. Per due volte rivolge lo sguardo alla tribuna con l’indice che picchietta sul polso. It’s Snaiper time. Ancora e ancora. One more time. TISSOT

Mattia dovecazzoguardi Quadrio – 7,5 Nelle rotazioni è quello che maggiormente riesce ad alzare l’asticella dell’intensità della squadra. Gli altri lo vedono assetato, voglioso di recuperare quel pallone e si adeguano ai suoi ritmi. In attacco lascia da parte il suo proverbiale altruismo e mette nel mirino il ferro. Bomba da fuori, canestro dalla media, ce n’è per tutti i gusti. “Dove cazzo guarda Tia Quadrio” sempre e per sempre, ma stasera ha aggiustato le lenti e ci vede, eccome. Ci vede benissimo. FALCO

Luca Rick Riccardi – 7,5 Nonostante il periodo turbolento, sta arrivando. E sta arrivando a grandi falcate. Nel secondo quarto è lui a gridare la carica firmando il primo allungo biancoblù con otto punti in fila e due assistenze irreali. Poi si stabilizzerà per il resto dell’incontro lasciando chiazze di classe sparse qua e là che neanche Pollok. L’attenzione non può non riversarsi su quel canestro in penetrazione con tre passi puliti puliti, forse quattro. Va bè ora l’arbitro fischierà…invece non fischia e due buoni. Consiglio: ti vediamo portato per il salto triplo, la predisposizione c’è. Che dici? ANDREW HOWE

Luca alzatiecammina Scotti – 7,5 Per lui questo derby è partita sentitissima e già nel pomeriggio esprime e dimostra tutta la sua carica e la sua convinzione. In campo si alterna in cabina di regia e ci mette un po’ prima di mettere a fuoco il canestro. I tiri forzati di inizio partita si trasformano presto in eleganti palleggio arresto e tiro e in delicati, morbidi e soffici floater che si squagliano in fondo alla retina. PANNA COTTA

Filippo Pess8 Missaglia – 7 “Oh c’è Pes sul cubo del cambio” Hype alle stelle e trepidazione massima nel suo fans club sulle tribune quando mette piede in campo il nostro inviato speciale. Attese che vengono ripagate con penetrazioni convinte verso il canestro e conseguenti scarichi, a volte puliti, a volte acrobatici, che però producono sempre buon gioco e fatturato in termini di punti. Insieme al Colombo, l’altra suocera, imbastisce in panchina uno spazio commenti con tanto di the caldo e biscottini. COMARE

Marco Kino Levati 8+ – Carico a pallettoni, vuole il foglio rosa al suono della sirena. Lo dimostra in difesa annullando i pari ruolo avversari che vengono portati a scuola ripetutamente ed in attacco smazzando cioccolatini. Battezzato da dietro l’arco ci puccia anche la bomba a coronamento di una grande prestazione. La partita non arriva in volata, gli altri non si vedono neanche e lui taglia il traguardo a braccia alzate. È maglia rosa per lo squalo di Monza. VINCENZO NIBALI

Iaqui e Sharon – 10 C’erano due posti vuoti in tribuna stasera. Erano vuoti stasera e rimarranno vuoti per qualche mese. Due pilastri della famiglia che ci mancheranno come l’acqua nel deserto. E già, egoisticamente parlando, ci mancherete, ci mancate già ora, anche se siamo tutti felici per voi, per la vostra esperienza di vita incredibile che state intraprendendo. Ma Iaqui con il più classico dei “fai sileeeenziooooo” e Sharon con le sue impressioni post partita, sono già un vuoto reale, un vuoto che ci appare incolmabile. Vi teniamo il posto in curva al caldo e una birra in fresco per quando tornerete. A costo di essere ridondante, ci mancherete. Andate e colonizzate, portate ovunque il PSG. Buon viaggio amici. MARCO POLO e DONATA BADOER

iaquiesharon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *